Isole che parlano – 2014

È nel pieno del suo svolgimento la XVIII edizione del festival “Isole che parlano.

Nato nel 1996 da una collaborazione fra Paolo e Nanni Angeli con l’Associazione Sarditudine, negli anni il festival è diventato un appuntamento imperdibile per chi ama la musica, la fotografia, l’arte nel senso più ampio del termine, e vuole farla conoscere e apprezzare anche ai bambini.

isole-parlano-2014Oltre alla musica tradizionale sarda, in dieci giorni di concerti ci sarà la possibilità di assistere alle performances di artisti provenienti da Norvegia, Tunisia, Ungheria, Catalogna, Russia e Corsica, che trasporteranno gli spettatori nelle magiche atmosfere dei loro paesi d’origine.

Nell’ambito del festival, organizzata con la collaborazione dell’Associazione Ogros, trova spazio anche l’esposizione “Fotografia Totale” di Romano Cagnoni, che rimarrà aperta al pubblico fino al 30 settembre. Durante la mostra sarà possibile incontrare il fotografo per un confronto con lui sulle sue opere e sul suo mestiere.

Ricchissimo il calendario dei laboratori e delle attività per i più piccoli. Dalla costruzione di aquiloni artigianali, alla realizzazione di materiale audiovisivo, dalle lezioni di costruzione poetico artistica alla premiazione del concorso fotografico indetto dall’UNESCO per la Settimana di Educazione allo Sviluppo Sostenibile.

benedicte-maursethPer sabato 13 e domenica 14 settembre è previsto il gran finale. Sabato, dopo una giornata di concerti, aperitivi e incontri con gli artisti, la splendida spiaggia di Palau Vecchio sarà la cornice del “Saluto al Mare”, un modo originale di darsi l’arrivederci all’edizione 2015. Domenica, invece, la chiusura ufficiale di “Isole che parlano 2014” con un magnifico concerto aperto a tutti sull’incantevole Isola di Spargi.

Un evento da non perdere per gli amanti dell’arte e della cultura, ma anche per chi vuole scoprire un aspetto meno noto dell’isola e godere dei suggestivi scenari naturali che la Sardegna ha da offrire come insoliti quanto magnifici palcoscenici.